ACCOGLIENZA - SOSTEGNO - CONSULENZA

CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE

Chi siamo

Il gruppo “Libera…mente donna” si è formato in modo spontaneo a Terni all’inizio del 1998, sull’esigenza comune di dare corso ad un progetto culturale, formativo ed informativo rivolto in primo luogo alle donne e al loro ruolo sociale, cercando di analizzare le componenti biologiche, culturali, socio-economiche e politiche che sviluppano l’identità personale.

Il gruppo sta quindi realizzando regolarmente degli incontri per soddisfare questa prima esigenza auto-formativa, alla quale segue, altrettanto forte, l’esigenza di aprirsi all’esterno, per crescere “con e per gli altri”, dando voce a quello spirito di “solidarietà concreta” di cui le donne hanno sempre fatto esperienza nel proprio vissuto personale. La “solidarietà concreta” viene da noi intesa non solo come comprensione reciproca e sensibilità verso gli altri, ma anche come semplice necessità e voglia di stare insieme per spendere del tempo confrontandosi.

Le nostre riunioni diventano così un pretesto per i nostri “scambi comunicativi”. Abbiamo bisogno di riprendere un allenamento al dialogo ed al confronto, in una modalità laica, che prescinda dagli orientamenti politico-filosofici di ciascuna di noi, proprio nel senso di una apertura ad accogliere le differenze in questi ambiti.

Al fine di renderci maggiormente visibili ai nostri concittadini ed anche alle istituzioni ci siamo costituite in “Associazione di Promozione Sociale“.

Una bellissima occasione di crescita culturale fu quando nel 2012 L’Associazione realizza insieme ai Comuni di Perugia e di Terni, in collaborazione con l’ONG Differenza Donna (Roma), il progetto “Umbria Antiviolenza”, grazie al bando del Dipartimento Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Tale progetto ha portato alla selezione di e alla formazione (giugno-novembre 2013) di 60 operatrici e volontarie e all’apertura nel marzo 2014 dei primi Centri Antiviolenza dell’Umbria: “Catia Doriana Bellini” di Perugia e “Liberetutte” di Terni.

L’apertura dei centri ha permesso all’Associazione di contare su un numero molto più consistente di socie e quindi di organizzare le attività attraverso gruppi di lavoro. Nello specifico sono:

  • – Gruppo progettazione: ricerca e partecipazione a progetti utili per l’autofinanzamento delle attività promosse dai Centri Antiviolenza;
  • – Gruppo formazione: formazione sul tema della violenza di genere nelle scuole di ogni ordine e grado, alla cittadinanza, agli operatori dei servizi pubblici e privati, nonché auto-formazione  interna all’ente proponente;
  • – Gruppo eventi: organizzazione di eventi pubblici volti alla sensibilizzazione e alla raccolta di fondi;
  • – Gruppo comunicazione e mass media: ufficio stampa e rapporti con i media.

Scarica il CV dell’Associazione